Arti Grafiche Boccia è presente nel report dell’Osservatorio Open Innovation e Corporate Venture Capital come caso di successo per la capacità di coniugare creatività e tecnologia in un settore maturo come l’industria della stampa. Lo studio, giunto alla quarta edizione e promosso da Assolombarda, Italia Startup e Smau in partnership con InfoCamere, gli Osservatori del Politecnico di Milano e con il supporto di Piccola Industria Confindustria e Confindustria, si pone un duplice obiettivo: fornire una panoramica sul Corporate Venture Capital nel nostro Paese, inteso come investimento industriale e finanziario in startup innovative italiane, e individuare modelli replicabili di Open Innovation attraverso casi di successo aziendali. 

 

Cos’è l’Open Innovation?

L’Open Innovation è un nuovo approccio strategico e culturale in base al quale le imprese, per creare più valore e competere meglio su mercati sempre più globali, scelgono di ricorrere non più soltanto a risorse interne, ma anche a idee, soluzioni, strumenti e competenze tecnologiche che arrivano da startup, università, istituti di ricerca, fornitori, inventori, programmatori e consulenti.

Il modello è pensato a supporto sia di PMI sia grandi aziende che si interfacciano e contaminano con l’ecosistema innovativo ed imprenditoriale delle startup, con l’intenzione di sviluppare una «bussola strategica» in grado di supportarne la crescita e aprile a nuovi scenari di business.

 

Dalla tipografia alla realtà aumentata

Da qualche tempo abbiamo iniziato un percorso di innovazione e di Open Innovation seguendo tre percorsi.

Il primo sono i progetti di ricerca in collaborazione con aziende e centri di ricerca, come l’ENEA e la STMicroelectronics, per la messa a punto di nuovi componenti di stampa per l’innovazione tecnologica del settore.

Il secondo inizia nel 2016 con la creazione di una digital unit interna, con lo scopo di diversificare l’offerta in termini sia di mercato, sia di servizio. Dallo sviluppo di competenze digitali interne sono nate 3 piattaforme altamente specializzate come printlitoart.com, per la realizzazione di litografie d’arte e regali aziendali, cataprint.com, per cataloghi e riviste aziendali, e iltuogiornale.it, che permette ad aziende e associazioni di creare e stampare un giornale personalizzato per la comunicazione interna ed esterna.

Il terzo e più recente percorso riguarda la creazione nella primavera 2018 di B HUB Factory, un acceleratore fondato dalla rete di imprese costituita insieme alla startup innovativa PSFactory. L’obiettivo è selezionare le startup innovative maggiormente promettenti nel campo dell’editoria e degli strumenti di realtà aumentata e realtà virtuale per sviluppare insieme nuove soluzioni di comunicazione per il business e l’implementazione di progetti di industry 4.0

Per noi, quindi, Open Innovation significa stare al passo con le evoluzioni del settore e le esigenze di comunicazione dei nostri clienti, partendo dalla nostra esperienza di 60 anni nell’industria della stampa e da un’identità aziendale che pone da sempre al centro la creatività come volano per la crescita, come ampiamente trattato da uno studio universitario che ci vedeva protagonisti all’EBHA 2019.

Sin dalla nostra fondazione , la dimensione umana ha costituito una parte fondamentale del nostro modo di intendere la stampa professionale e la cultura d’impresa come dimensione comunitaria, fino ad arrivare al nuovo concetto di Industria 4.0 di cui siamo molto orgogliosi. È infatti il binomio innovazione e talento delle persone che porta oggi a farci identificare sul mercato come la Boutique Europea dell’Industria Grafica

 

SCARICA QUI IL REPORT

 

Condividi tramite: